BIA-ACC e valutazione dello stress cronico e disturbi d'ansia (verificare infiammazione di basso grado - valutare disturbi d'ansia - Sicilia)

Vediamo in che modo tale dispositivo consente una diagnosi dell'impatto fisiologico che ha una condizione di stress cronico sul nostro organismo. Una tale condizione, si accompagna a dei disturbi d'ansia, sindrome malinconico depressiva.


condividi questo articolo

verificare infiammazione di basso grado verificare infiammazione di basso grado - Verificare la presenza o meno di stress cronico e di infiammazione di basso grado in Sicilia, presso lo studio di psicoterapia e psicologia a Caltanissetta, Catania, Modifca e Canicattì -Dott. Francesco Prisco

L'esame BIA-ACC non è invasivo e dura pochi secondi

Tramite la BIA-ACC, dispositivo impedenziometrico, è possibile valutare diversi parametri che mostrano la presenza o meno di stress cronico e di infiammazione di basso grado. I dati ottenuti sono altamente attendibili.

Dietro l’utilizzo dello strumento, ci sono anni di ricerche condotte in tutto il mondo dai migliori ricercatori di diverse aree (psicofisiologia, immunologia, oncologia, endocrinologia, nutrizione, scienze motorie) che ne fanno un dispositivo affidabile e sempre in continua evoluzione. Infatti, i dati raccolti con la BIA-ACC insieme all’utilizzo del PPG-Stress Flow, convergono all’interno di una piattaforma (BioTekna Plus) che provvede all’elaborazione incrociata, facendo riferimento ai risultati più recenti delle ricerche scientifiche. Quindi un sistema sempre aggiornato con dati riconosciuti dalla comunità scientifica.

Anche i programmi di intervento proposti per ristabilire una condizione di sano equilibrio, hanno una validità riconosciuta. Anzi, vengono proposti solo programmi che hanno una validazione.

Andiamo nello specifico, scopriamo come un esame impedenziometrico può aiutarci nello stabilire oggettivamente la presenza o meno di processi infiammatori e di stress cronico.

Una condizione di stress cronico (persistenza dello stressor oltre i sei mesi) impatta sul nostro organismo, cambiandone la composizione corporea. Ad esempio, il metabolismo cambia nel tempo, soprattutto quando si vive una situazione di stress costante.

Cambia anche la densità delle fibre muscolari (S-score), che si indeboliscono così come la struttura ossea (T-score). Sia i muscoli che le ossa, quando l’attivazione dello stress dura molto tempo, divengono dei fornitori di energia, dato che si ha una sovrattivazione sistemica. Si arriva ad un punto in cui, però, tali strutture vengono compromesse e si deve intervenire per ristabilirne un giusto equilibrio quantitativo e qualitativo. Così sorge stanchezza cronica, affaticabilità, poca voglia di muoversi, difficoltà a perdere grasso, apatia, si modifica il respiro, malinconia, ritiro sociale (infatti, il metabolismo dopo un lungo periodo di stress e di dispendio energetico, si pone in una condizione di risparmio, in quanto le strutture che forniscono energia sono compromesse).

Inoltre, una presenza elevata di acqua extracelluare (ECW), di grasso infiltrato nei muscoli (IMAT), grasso viscerale che viene a depositarsi attorno agli organi, grasso bianco non utilizzabile come fonte energetica, potassio extracelluare (ECK), elevato valore della matrice extracellulare (ECMatrix), rappresentano dei valori direttamente collegati ad un’infiammazione costante di basso grado, scarsa capacità antinfiammatoria dell’organismo e vari sintomi di tipo fisico e psicologico. La riduzione della funzione antinfiammatoria del nostro corpo, ha un impatto molto rischioso in quanto siamo indifesi rispetto a malattie o traumi.

Altro fattore fondamentale nella valutazione dello stress cronico, è l’asse HPA, ovvero il sistema ipotalamo-ipofisi-surrene. Tale asse, in condizione di stress viene stimolato e provvede ad aumentare il rilascio degli ormoni dello stress (glutocorticoidi, cortisolo). Quando tale attivazione rimane costante, come avviene quando lo stress si cronicizza, il rilascio di tali ormoni rimane costantemente attivato, anche di notte, con numerose ricadute negative per il nostro organismo, corpo-cervello-mente. Grazie all’esame BIA-ACC è possibile valutare il funzionamento dell’asse HPA tramite il dato che emerge dell’angolo di fase che, se inferiore a 3,5 indica un rilascio costante di cortisolo, quindi un circuito di risposta allo stress perennemente attivato. In condizioni di normalità invece, il rilascio ormonale segue una sua circadianità con un picco al mattino, ed un progressivo decremento durante la giornata, fino ad arrestarsi durante la notte. Lo stress cronico, invece, rompe l’equilibrio circadiano con conseguenze negative per il nostro corpo.

Esistono altri parametri che emergono dall’esame della BIA-ACC che consentono di entrare nello specifico del quadro diagnostico di una persona. In questo modo, è possibile costruire un programma di intervento personalizzato e finalizzato a ripristinare l’equilibrio compromesso.

valutare disturbi d'ansia valutare disturbi d'ansia - Esame dello stress cronico e ansia tramite dispositivo BIA-ACC

Esempio dati BIA-ACC per la valutazione dello stress cronico e di infiammazione di basso grado

Sicilia Sicilia - Il risultato della condizione del paziente sottoposto ad esame tramite dispositivo BIA-ACC per misurare lo stress e valutare i disturbi d'ansia

OSO Test - quadro rappresentativo e riassuntivo della condizione del paziente ricavato dal test BIA

Psicoterapia

Tipologie di intervento

Disturbi trattati

Perchè funziona la psicoterapia

Metafore di psicoterapia

Psicologia dello sport

Cos'è la psicologia dello sport

Life Coaching

Stress cronico e ansia

Capiamo meglio lo stress cronico

Valutazione dello stress cronico e dell'ansia

Esame BIA-ACC per lo stress

PPG-Stress Flow per lo stress e l'ansia

Trattamento psicoterapeutico

EMDR

Training Autogeno

Cos'è il Training Autogeno

Corsi

'InEquilibrio' per gestire lo stress cronico

Training Autogeno

News

29/11/2019

L’Amico Comune delle Psicopatolo ...

Un seminario esperienziale in cui conosceremo le caratteristiche del rimuginio e come poter gestire al megli ...

23/06/2019

Laboratorio per la gestione dell ...

Un laboratorio esperienziale per apprendere tecniche efficaci di riduzione dello stress . Da ...

18/02/2019

InEquilibrio corso di Training A ...

Un corso per la gestione dello stress cronico , per contrastarne gli effetti negativi sulla ...

Leggi tutte le news

CATANIA - CALTANISSETTA

Psicologo, psicoterapeuta, psicologo dello sport

dott. Francesco Prisco

Tu sei qui: Home > Esame BIA-ACC per lo stress > BIA-ACC e valutazione dello stress cronico e disturbi d'ansia (tag: verificare infiammazione di basso grado - valutare disturbi d'ansia - Sicilia)

Se desideri programmare un incontro o semplicemente richiedere un'informazione puoi utilizzare il seguente form. E' garantita la massima riservatezza.

Nome  
Cognome
Telefono

ho preso visione dell'informativa sulla privacy ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali in conformità agli art. 13-14 del GDPR (GENERAL DATA PROTECTION REGULATION) 2016/679

E-mail

inserisci un indirizzo e-mail valido


Verifica

  inserisci il codice che vedi sotto

Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code
Refresh Ricarica Immagine
Messaggio

per attivare il tasto è necessario selezionare il checkbox relativo all'informativa sulla privacy

 

dott. Francesco Prisco - Psicologo, psicoterapeuta, psicologo dello sport in Sicilia
Via Grotte Bianche n° 150 - 95121 Catania (CT)
Via trav. Paladini n° 208/m - 93100 Caltanissetta (CL)
Via Sorda Scicli n° 47 - 97015 Modica (RG) presso MICROS SportClinic
Cell. 329 3763590 - P. IVA 01856530850 - Contatti

Psicologo di Caltanissetta e Catania - Dott. Francesco Prisco // Seguimi su Facebook Guarda i nostri video su YouTube Studio di psicologia e psicoterapia a Catania Studio di psicologia e psicoterapia a Caltanissetta